La serie “Res Top” – grandi impianti per grandi aziende
Quando a prendere in considerazione l’acquisto di una Linea di Resinatura è il proprietario di una grossa segheria, consigliamo sic et simpliciter di guardare alle versioni “Res Top”, caratterizzate dall’alta velocità meccanica e dalla struttura maestosa.

Ciò detto, apriamo una digressione volta a chiarificare che i termini tecnici “velocità meccanica” e “capacità produttiva” non sono affatto sinonimi come molti potrebbero essere portati a credere. La velocità del ciclo meccanico è la cadenza con cui un Pianale Trasportatore raggiunge il punto di scarico e, fermatosi un istante, intraprende il suo viaggio di ritorno verso l’area di carico. La capacità produttiva è invece la quantità di lastre lavorabili in un lasso di tempo preso a unità di misura (normalmente si parla di produzione oraria). Il divario tra i due valori è dato dalla somma degli attimi che gli operatori aggiungono al ciclo meccanico onde ottenere lastre impeccabili da ogni prospettiva. Più è difficile il trattamento, più lunghi saranno gli interventi degli addetti e, di conseguenza, più la capacità produttiva si discosterà in difetto dalla velocità meccanica. Quel che intendiamo è che l’effettiva produttività oraria di un impianto dipende dalle condizioni del materiale. Pertanto, i dirigenti di un’azienda che usa trasformare lapidei di per sé problematici, quali marmi colorati, brecce e onici, dovrebbero essere consci che, per processare venti o trenta lastre l’ora, bisogna munirsi di impianti meccanicamente rapidissimi.

Oltre a vantare velocità massime impressionanti, i modelli “Res Top” sono disegnati all’insegna dell’adattabilità e dell’ergonomia, con forni multipiano d’asciugatura e polimerizzazione sovradimensionati, e Stazioni di Retinatura e Resinatura congrue per estensione, nonché per numero e tipo di accessori.