La serie “Res Lux” – per le aziende che vogliono battere ogni record di produzione
Nel presentare le versioni “Res Lux”, è utile richiamare le definizioni di velocità meccanica e capacità produttiva. La velocità del ciclo meccanico è la frequenza con cui un Pianale Trasportatore raggiunge il punto di scarico e, dopo una breve sosta, fa ritorno all’area di carico. La capacità produttiva è la quantità di lastre lavorabili in un arco di tempo preso a unità di misura che, di solito, corrisponde a un’ora.

Le Linee di Resinatura “Res Lux” sono gli impianti meccanicamente più rapidi al mondo, e in questo senso ci basti dire che alcune di loro sfiorano picchi di un Pianale Trasportatore in arrivo al luogo di scarico ogni quaranta secondi. Parliamo quindi di Linee di Resinatura concepite per infrangere qualunque record di produzione, ossia pensate per soddisfare le esigenze di quanti rientrano a pieno titolo tra i grandi dell’industria lapidea.

Chiaramente, gli ingombri vanno di pari passo con le prestazioni, e perciò i modelli di punta sono colossi che oltrepassano i cento metri di lunghezza. Anche il livello di automatizzazione è commisurato alle performance, ossia spazia tra l’elevato e il totale.

La già sostanziosa dotazione di serie può essere integrata da pacchetti di optional, selezionati dagli acquirenti in base alle proprie necessità pratiche e preferenze personali.

Le aziende concentrate nella lavorazione di travertini e traveronici propenderanno per gli allestimenti “Res TraverLux”, mentre i tipi più suggestivi ed avveniristici sono i “Res TriLux” e “Res QuadriLux”, ideali per gli imprenditori che reputano proficuo retinare e resinare le lastre senza soluzione di continuità, tutt’al più inframmezzando i due trattamenti con opere di ricostruzione e susseguente levigatura.